sabato 2 marzo 2013

Dalla Russia, con passione...




“Indossare i gioielli di Chanel mi ha aiutato a mettermi nei panni di Anna Karenina”.
Keira Knightley è ben consapevole di come un gioiello faccia la differenza, quando c'è in gioco l’interpretazione della parte di un’eroina dell’opulenta aristocrazia russa dei tempi di Lev Tolstoj.
A me invece è bastato molto meno perché mi immedesimassi in una zarina. Un’abbondante nevicata, un colbacco con cui è stato immediatamente colpo di fulmine, qualche monile gentilmente preso in prestito (a tempo indeterminato) dal portagioie di mamma.
Per tutto il resto, c’è la fantasia. Facile così immaginarmi impegnata in corse con i pattini sul ghiaccio o in gite in slitta con l’irrinunciabile manicotto di astrakan, in mezzo a paesaggi candidamente innevati. Facile così vedermi in sontuosi salotti, incantata davanti a un prezioso uovo di Febergè o volteggiante in vorticosi giri di valzer, ricoperta da nuvole di chiffon e voile. Facile così ritrovarmi avvolta dall’allure sofisticata e aristocratica di Anna Karenina, l’eroina che viene dal freddo.

Eh sì perché, per i più distratti tra voi, ci sono qui io a ricordare che è finalmente arrivato anche in Italia l’ultimo adattamento cinematografico di Anna Karenina, firmato Joe Wright.
Lussuoso, fastoso, molto teatrale.
Dell' Anna Karenina di Tolstoj è in effetti rimasto ben poco in questo film. Ma è un' Anna Karenina che mi invoglia a immergermi di nuovo nel meraviglioso romanzo tolstojano e a perdermi con il mio adorato colbacco tra Mosca e Pietroburgo.





















Colbacco: Phard
Cappotto: Sartoria Italiana (vintage)
Cintura: Biffi
Stivali: Le Silla
Occhiali: Blumarine
Collana: Space Bergamo
Anello: Brocantage Novegro MI
Bracciale: Brocantage Novegro MI

 

1 commento:

  1. stunning, find no words ! :) by the way, you have amazing nice eyes :) ! xxx

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...